LA RIVISTA AGORÀ  » Abbonamenti  » Gli articoli disponibili  » I collaboratori  » La redazione  » Le riviste  » L'ultimo numero  » Indice tematico  » Indice


CERCA

Testo da cercare:

cerca in:

 

Lo “hospitalis Sancte Veneris de Iacio” ed il San Marco di Catania (Agorà n. 9)

Si sono recentemente svolte diverse manifestazioni che hanno avuto per oggetto la storia della medicina a Catania. Oltre a una serie di conferenze e dibattiti è stato pure pubblicato un volume nel quale viene ricostruita la storia della medicina catanese con particolare riguardo alla nascita ed allo sviluppo degli ospedali.


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 189,292 Kb) 

di Saro  Bella

Bernardo Cabrera Conte sovrano di Modica (Agorà n. 8)

Alla morte di Federico III d’Aragona nel 1337, dopo 40 anni di regno del grande sovrano, che aveva sfidato e combattuto le intrusioni politiche di cinque papi, la Sicilia era ancora uno Stato indipendente, ma si avviava ad un periodo di grandi calamità e di guerre civili.


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 202,676 Kb) 

di Fernando  Mainenti

Sul rinvenimento del rudere di una chiesa dell'età della Contea nella vallata d'Agrò (Agorà n. 6)

Dal crinale dei monti, tra la vallata della Fiumara d'Agrò e quella di Gallodoro, appariva come una macchia bianca che emergeva dal verde del pendio; non era la rovina di una casetta di contadini abbandonata insieme ai coltivi alle roverelle che stavano riappropriandosi del terreno da cui erano state sfrattate secoli fa; nitida appariva la curva dell'arco e la conca di un'abside: era una chiesa!


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 334,3 Kb) 

di Santo  Castorina

Fiabe, Favole, Leggende... il "tesoro" della cultura siciliana (Agorà n. 1)

Giuseppe Pitrè definisce i «raccon-ti» presenti nella sua Biblioteca delle tradizioni popolari il “Tesoro della letteratura narrativa orale dei Siciliani”(1), subito dopo spiega che l'espressione «racconti» in realtà comprende fiabe, favole, leggende, novelle, etc.; tutto ciò, insomma, che costituisce la “cultura” del popolo siciliano.


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 94,131 Kb) 

di Graziella  Chiarenza

Michele Abruzzo interprete drammatico del teatro siciliano (Agorà n. 5)

Il 18 Novembre 1996 il sipario cala definitivamente su uno degli astri più splendenti del teatro siciliano: Michele Abruzzo. Ma chi era Michele Abruzzo? Troppo spesso dimenticato, frequentemente taciuto, il suo nome è in realtà legato ai più grossi interpreti del nostro teatro. Ad Angelo Musco, per intenderci, o, ancora, a Giovanni Grasso e a Rosina Anselmi. La sua è stata una vita interamente votata al palcoscenico....


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 154,287 Kb) 

di Natalina  Migliori


pagina 15/26

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Sito attivo dal 1 luglio 2005 - sei il visitatore n. 2858409
Editoriale Agorà - Catania - tel. 347 9273284