LA RIVISTA AGORÀ  » Abbonamenti  » Gli articoli disponibili  » I collaboratori  » La redazione  » Le riviste  » L'ultimo numero  » Indice tematico  » Indice


CERCA

Testo da cercare:

cerca in:

 

Imprenditorialità d'altri tempi - La "fabrica" bizantina di eunuchi a Favignana (Agorà n. 21-22)

Grande civiltà, quella bizantina, cui vanno ascritti tanti meriti, politici, religiosi, artistici e culturali. Si deve a lei, in fondo, se gli Slavi sono entrati nell’orbita cristiana e sono diventati quindi ‘Europei’. Architettura e pittura sono arti che da quella civiltà mutuarono un paradigma ancora oggi capace di stupire non solo gli esperti. Se ogni moneta oltre alla ‘testa’ porta anche la ‘croce’, lo si deve proprio alla ‘Nuova Roma’ ed ai suoi imperatori.


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 57,892 Kb) 

di Renato  Lo Schiavo

Tortorici la città delle campane (Agorà n. 19-20)

L’itinerario che oggi vi proponiamo è adatto a tutti: bambini, adulti che vogliono rilassarsi, divertirsi, gustare piatti tipici, incontrarsi con la natura e con la storia di Tortorici (450 m. s.l.m.), un piccolo paese nel cuore dei Nebrodi, la cosiddetta “Valle dell’ingegno” per via di alcune importanti figure di intellettuali e di artisti che hanno avuto i natali in questo piccolo paese. Ricordiamo, fra tutti, il pittore Giuseppe Tomasi e il famoso fisico Sebastiano Timpanaro, al quale è stata dedicata una piazza.


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 741,438 Kb) 

di Maria Chiara  Ferraù

LO DISSERO GLI "STROLOGI": «INDIAVULATA DICSTRUZZIONE» IL 5 FEBBRAIO 1524 (Agorà n. 17-18)

Come ci riporta un ignoto cronista catanese, presumibilmente morto a metà del Seicento (v. Cronaca del Merlino, in Cronaca siciliana del secolo XVI, a cura di V. Epifanio e A. Gulli, stabilimento tipografico Virzì, Palermo 1902), sulla nostra città, e non solo, si sarebbe dovuta abbattere, nell’anno di grazia 1524, un'impressionante serie di calamità...


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 163,662 Kb) 

di Aldo  Motta

Incontro con il pittore che ha fatto del carretto siciliano un un’opera d’arte IL PALADINO DEI PALADINI: DOMENICO DI MAURO (Agorà n. 17-18)

La pittura del carretto è nata intorno alla metà dell’Ottocento ed è rimasta tale fino al Novecento, quando il carretto perse la sua funzione di mezzo di trasporto e diventò elemento di folclore. Questa pittura ha subìto una notevole innovazione grazie all’abile mano del Maestro Domenico Di Mauro, che vi ha introdotto la prospettiva, la sfumatura delle tinte, la luce...


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 473,122 Kb) 

di Margherita M. D.  Bottino

«Siamo tutti passeggeri sulla stessa barca: il fragile e glorioso mondo» MONOTEISMO E NATURA (Agorà n. 17-18)

Nel 1986, in occasione del 25° anniversario della fondazione del WWF Internazionale, ad Assisi si incontrarono i rappresentanti delle maggiori religioni monoteiste. Tutti furono d'accordo: bisogna affidare alle religioni il compito di diffondere i principi etici che legano l'Uomo alla Natura.


Scarica gli allegati
Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 243,638 Kb) 

di Escata  Nicolosi


pagina 16/26

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Sito attivo dal 1 luglio 2005 - sei il visitatore n. 2747553
Editoriale Agorà - Catania - tel. 347 9273284