LA RIVISTA AGORÀ  » Abbonamenti  » Gli articoli disponibili  » I collaboratori  » La redazione  » Le riviste  » L'ultimo numero  » Indice tematico  » Indice


CERCA

Testo da cercare:

cerca in:

 

La divinazione nell'antichità classica (Agorà n. 7)

Da sempre l’uomo, immerso in un mondo retto da un meccanismo insondabile, imprevedibile, sempre in continua metamorfosi, ha tentato di varcare la soglia dell’immanenza per cercare di prevedere,


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 459,246 Kb) 

di Margherita M. D.  Bottino

TURI FERRO IL MAGISTERO DELL'ARTE (Agorà n. 6)

Maturata a ridosso delle esperienze storiche più significative del primo Novecento, la stagione aurea del teatro siciliano aveva rinverdito le scene nazionali e internazionali esibendo le straordinarie doti interpretative di Giovanni Grasso e Angelo Musco che avevano alimentato un intenso dibattito sull’azione educativa del teatro, sul ruolo dell’attore.....


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 236,032 Kb) 

di Sarah Zappulla Muscarà -   Enzo Zappulla

Un “metafisico” siciliano di tradizione inglese: Lucio Piccolo (Agorà n. 6)

Essere nato in Sicilia in una delle più antiche e nobili famiglie palermitane, con un blasone appannato dagli scandali e dalla cattiva amministrazione del patrimonio, ha causato in Lucio Piccolo di Calanovella l’acuirsi di alcuni tratti riconosciuti come caratteristiche tipiche di ogni siciliano: l’orgoglio e la diffidenza.


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 178,028 Kb) 

di Norma  La Piana

L'eruzione laterale etnea del 1865 e la nascita dei Monti Sartorius (Agorà n. 6)

Tra tutte le eruzioni etnee, quella che nel 1865 diede luogo ai Monti Sartorius è una delle più documentate: il Professore Mariano Grassi e il Professore Orazio Silvestri, diretti testimoni degli eventi, ci hanno lasciato una cospicua documentazione relativa a questo episodio eruttivo.


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 240,186 Kb) 

di Pietro  Carveni

Acireale e le sue feste religiose nel Voyage pittoresque di Jean Houel (Agorà n. 6)

Nato a Rouen nel 1735 e morto a Parigi nel 1813, Jean Houel, pittore e scrittore, è il viaggiatore straniero che è rimasto più a lungo nella nostra isola: 4 anni. Il primo viaggio in Sicilia egli lo fa nel 1770, ma vi rimane poco tempo; il secondo viaggio lo compie nel marzo del 1776 e vi rimane sino alla fine del 1779.


Leggi l'articolo in formato pdf (dim: 443,855 Kb) 

di Francesco  Calì


pagina 20/26

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Sito attivo dal 1 luglio 2005 - sei il visitatore n. 2752225
Editoriale Agorà - Catania - tel. 347 9273284